Fermenti lattici vivi

Fermenti lattici vivi 16 Set 2017

Studio clinico in doppio cieco randomizzato- L’Integratore Nutrizionale 2012 – 15 (1)

Barbara Marzani1, Giammaria Giuliani1, Anna Benedusi1. Beatrice Tenconi2, Ileana De Ponti2 1, Adele Sparavigna2,1 R&D, Giuliani SpA, Milano- 2 DermIng Srl, Istituto di Ricerche Cliniche e Bioingegneria, Monza

Acne vulgaris, Lactobacillus Rhamnosus T12 , Studio clinico in doppio cieco

L’efficacia di un nuovo integratore alimentare a base di Lactobacillus rhamnosus T12 è stata valutata con uno studio in doppio cieco randomizzato contro placebo in soggetti con alterazioni della produzione di sebo. Allo studio hanno partecipato 44 soggetti che hanno assunto l’integratore alimentare o placebo una volta/ die per 2 mesi. I parametri sono stati analizzati mediante valutazioni dermatologiche ( score visivo dei principali segni clinici dell’acne: comedoni, papule, pustole, eritema, desquamazione, seborrea, microcisti) e strumentali (valutazione del sebo, idratazione, pH, evaporimetria, microrilievo di superficie, attività seboregolarizzante, comedolitica ed antiossidante, tramite la minima dose eritematogena) prima dell’inizio del trattamento e dopo 1 e 2 mesi di trattamento. I risultati ottenuti hanno mostrato come l’assunzione del prodotto a base di fermenti vivi, abbia determinato, già dopo 1 mese, una riduzione significativa del sebo di superficie, della desquamazione cutanea ed un aumento significativo dell’idratazione. I miglioramenti ottenuti dall’assunzione del prodotto attivo sono ascrivibili alla sua attività seboregolarizzante, la conseguente normalizzazione del pH cutaneo e l’azione comedolitica, evidenziate dopo 2 mesi. In conclusione, i dati ottenuti supportano l’utilizzo dell’integratore in studio per il trattamento delle pelli impure ma molto probabilmente anche per alterazioni più importanti della produzione di sebo, quali dermatite seborroica ed acne.